Consulta “La coscienza di Zeno” (at the moment not avaible in English)

https://itunes.apple.com/it/book/la-coscienza-di-zeno/id417207272?mt=11

https://play.google.com/store/books/details?id=RsiOKoCIoIoC

Contrariamente a quanto si ritiene, non trovo l’inettitudine la prima caratteristica nelle opere di Svevo.E sicuramente non in ottica negativa. In quest’opera egli ci parla di Zeno, un personaggio meno intraprendente ma che sopravvive, mentre chi, come Guido, osa oltre la propria conoscenza e capacità poi perisce, ponendo la materialità al di sopra della propria vita. Lo si evince dal suo suonare il violino in casa Malfenti quando ignorando il dissapunto di Zeno,l’unico in grado di accorgersi dell’infedeltà di esecuzione rispetto al spartito originale, dimostra di non tenere alcuna passione per la musica se non in funzione di fare colpo sugli ascoltatori di turno, e successivanente dal suo rifiuto, egoistico, per la bancarotta onde salvare la propria immagine. Vivrà coltivando la passione per la caccia e la pesca come via di fuga dalle proprie responsabilità verso se stesso e verso la famiglia e morirà inscenando un suicidio per suscitare la compassione in chi poteva fargli dei prestiti monetari. Ed è interessante notare come sia proprio Guido il potenziale sposo modello per la società dell’epoca. Zeno lo dice a più riprese: vi fosse Guido al mio posto, non avrebbe problemi di coscienza con Carla.
Ad ogni modo vi è da notare come il personaggio di Svevo guarirà con la psicoanalisi, pur non amettendolo mai.E lo si evince dal fatto che smise davvero di fumare.
Colgo qui l’occasione per parlare di Freud, visto il legame della psicoanalisi con il libro di Svevo. Freud riteneva che il bambino possiede una serie di istinti tra cui quello sessuale. Per questo,come sappiamo, ha attirato su di sè le critiche della società dell’epoca. Certo che il bambino ha uno sviluppo sessuale fin dalla prima infanzia. Il Super Io verrà sviluppato gradualmente in base agli insegnamenti dei propri genitori e, spesso, del contesto in cui vive,e il cui completamento coincide con il raggiungimento della maggiore età, ove potrà opporre la propria morale all’istinto raggiungendo lo stadio del libero arbitrio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: